domenica 22 novembre 2015

Ravioli di ricotta e castagne con sugo di cavolo nero

Ci siamo anche questo mese, all'immancabile appuntamento con l'MTC. Lo scorso mese la sfida del pollo ripieno è stata vinta da Monica e Luca del blog Fotocibiamo ed è così che hanno proposto il tema della pasta ripiene con un sugo a cottura lenta.
Questo mese ci sono pochissime restrizioni sulla ricetta, sii può usare qualsiasi farina, qualsiasi ripieno unica nota il sugo deve essere a cottura lenta.
Io ho preparato due versioni, questa chiamiamola vegetariana ed un'altra che pubblicherò i prossimi giorni dove il protagonista è il cinghiale.



Per questa sfida ho fin da subito deciso che avrei fatto una sfoglia grezza di farina di farro, ma ero molto indecisa sul ripieno, poi la scorsa settimana sono uscita a mangiare una pizza con Cristina ed Enrica ed ho assaggiato una meravigliosa pizza con le castagne... da lì l'inspirazione per il ripieno: Castagne e ricotta di pecora.
Ma veniamo alle dolenti note, sugo a lenta cottura. Mi sono detta e ora con cosa lo faccio questo sugo a lenta cottura? Non volevo caricare troppo il piatto con la carne ma non mi veniva l'idea, poi ieri ho fatto un giro al mercato a Km0 accanto casa ed ho visto un meraviglioso cesto di cavolo nero e ho pensato "CAVOLO come ho fatto a non pensarci?" ;-) Ed ecco a voi i miei ravioli con ricotta di pecora e castagne al sugo di cavolo nero.



Ingredienti per la sfoglia (per circa 40 ravioli):
(Nota: io preferisco una sfoglia con poche uova)
250g di farina di farro
50g di farina integrale
1 uovo
acqua (quanta ne prende la farina)

Ingredienti per il ripieno:
10 castagne precedentemente lessate
150g di ricotta di pecora

Ingredienti per il sugo di cavolo nero
mezzo porro
1 cesto di cavolo nero (scegliete le foglie più tenere, con quelle che avanzano fateci il brodo)
sale olio Extravergine di oliva
pinoli

Preparate la sfoglia disponendo le farine miscelate a fontana, rompete dentro l'uovo aggiungete l'acqua, un pizzico di sale ed impastate. Ripinete la pasta in frigo avvolta nella pellicola almeno per 40 minuti, poi spianatela.
Disponete la ricotta al centro e sopra un pezzetto di castagna, richiudete e ritagliate della forma che più vi piace (io ho scelto la margherita).


Nel frattempo iniziate a preparare il sugo: Mettete a soffriggere il porro, dopo qualche minuto aggiungete il cavolo tagliato a listarelle e lasciate soffriggere a fuoco basso per qualche minuto. Aggiungere un bicchiere di brodo vegetale e lasciate andare per almeno un ora a fuoco molto basso.
Lessate i ravioli in abbondante acqua salata e conditeli con il sugo al cavolo nero ed una manciata di pinoli tostati.


Buon Appetito!

Con questa ricetta partecipo all'MTC 52





19 commenti:

  1. Me piasssss...assaaaiiii...buona domenica cara!

    RispondiElimina
  2. Amo la sfoglia al farro ed anche le castagne, particolare il condimento col cavolo nero...allora aspetto la tua prossima proposta carnivora!

    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, a breve anche la proposta carnivora ;-)
      Un abbraccio e grazie per questa bella sfida

      Elimina
  3. Castagne e cavolo nero...più farro. Come non apprezzare da toscana DOC quale sono?! Amo questi sapori "poveri"...molto più del cinghiale, a dire la verità!
    Un abbraccio Ambra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, io amo anche il cinghiale ma questa versione mi è piaciuta molto! Grazie
      un abbraccio a te
      Ambra

      Elimina
  4. Hai scelto la strada più poetica-e quella più difficile, perché coniugare territorio, sapori e regolamento dell'mtc è un'impresa da duri. Il problema, come hai detto tu,era trovare un ingrediente che tenesse la lunga cottura e non facesse a pugni col ripieno. E con le verdure, il rischio che si disfino e perdano tutto il sapore, oltre che la consistenza. Ma il risultato è talmente bello, talmente ben riuscito, talmente armonioso e ben fatto che ci dimentichiamo gli orologi e la regola delle ore e ore e ore sul fuoco e la ammettiamo alla gara. E un bel bravissima non te lo toglie nessuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra, sapevo di essere un pò border line ma ci ho provato.. ti ringrazio per aver capito le mie intenzioni. Chi mi conosce sa che sono profondamente legata alle tradizioni, amo i sapori della mia terra e cerco sempre di portarli nelle mie ricette (quando posso).
      Grazie ancora e non vi preoccupate che arriva anche il sugo a cottura lentissimaaaaaaaaa
      Un abbraccio
      Ambra

      Elimina
  5. Devono essere veramente squisiti Ambra! L'unica cosa che avrei fatto diversa, magari avrei passato le castagne per amalgamarle alla ricotta, ma forse l'effetto che volevi ottenere non era la cremosità. Ma come li vorrei assaggiare!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Cecilia, infatti non volevo un ripieno cremoso, per questo ho messo le castagne tagliate grossolanamente!
    Grazie!!
    Ambra

    RispondiElimina
  7. ADORO!!!!!!
    Amo questo piatto con tutta me stessa! E arrivati a questo punto amo pure te! :D

    RispondiElimina
  8. Hey Arianna!!! Ma GRAZIE!!! Spero di poterti conoscere al raduno ;-)
    Un abbraccio
    Ambra

    RispondiElimina
  9. ma che sugo particolare!
    Anche l'abbinata ricotta e castagne mi piace molto!!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Cara Ambra il tuo piatto è un piccolo capolavoro! La pasta che grazie alla farina integrale e farro mi immagino un po' ruvida e poi il ripieno saporitissimo con il pezzettino di castagna! Che goduria già così solo con un filo d'olio.... ma tu ci aggiungi quell'ulteriore tocco di sapore intenso che solo il cavolo nero può dare! Insomma mi hai fatto venire l'acquolina a mille!!!!!!!!!
    Ciao
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sandra! A me sono piaciuti molto

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  11. Ambra che bontà questi ravioli complimenti

    RispondiElimina